Chi fa i controlli ufficiali nelle aziende alimentari?

In Italia la tutela della sicurezza dei prodotti alimentari è affidata essenzialmente all’attività di controllo ufficiale svolta dal Ministero della Salute, con i suoi Uffici centrali e periferici, e dalle Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano, attraverso le loro strutture territoriali.
La direttiva del Consiglio 89/397/CEE, recepita nell’ordinamento nazionale con il D.Lgs. n. 123 del 3 marzo 1993, ha armonizzato le attività di controllo ufficiale sui prodotti alimentari che vengono effettuate nei Paesi dell’Unione Europea.
Il controllo ufficiale degli alimenti e delle bevande ha la finalità di verificare e garantire la conformità dei prodotti alle disposizioni dirette a prevenire i rischi per la salute pubblica, a proteggere gli interessi dei consumatori e ad assicurare la lealtà delle transazioni. Esso considera tutte le fasi della produzione, della trasformazione, dello stoccaggio, del trasporto, del commercio e della somministrazione, e consiste in una o più delle seguenti operazioni: ispezione, prelievo dei campioni, analisi di laboratorio dei campioni prelevati, controllo dell’igiene del personale addetto, esame del materiale scritto e dei documenti di vario genere ed esame dei sistemi di verifica installati dall’impresa e dei relativi risultati (a tal proposito verrà pubblicato un articolo dedicato).
Gli Organismi responsabili di diversi aspetti del controllo ufficiale degli alimenti e delle bevande ai sensi del Decreto legislativo 3 marzo 1993, n. 123 sono molteplici.

Governi
Ai livelli governativi nazionali e regionali, oltre ai compiti normativi nell’ambito delle diverse competenze, sono affidate prevalentemente le funzioni di programmazione, indirizzo e coordinamento, mentre le funzioni di controllo sulle attività di produzione, commercio e somministrazione degli alimenti e delle bevande competono prevalentemente ai Comuni che le esercitano attraverso le Aziende Sanitarie Locali.

Ministero della Salute
Al Ministero della Salute nell’ambito del controllo ufficiale degli alimenti, sono affidate prevalentemente le funzioni di programmazione, indirizzo e coordinamento. Esso opera, a livello centrale, con la Direzione Generale della Sicurezza degli Alimenti e della Nutrizione e, a livello territoriale, con i propri Uffici periferici, ovvero gli Uffici di Sanità Marittima, Aerea e di Frontiera (U.S.M.A.F.) e gli Uffici di Confine Terrestre e negli Uffici Veterinari Periferici, che comprendono i Posti di Ispezione Frontaliera (P.I.F.) e gli Uffici Veterinari per gli Adempimenti Comunitari (U.V.A.C.).

ISS
A livello centrale opera l’Istituto Superiore di Sanità (I.S.S.), sia per una serie di compiti tecnicoscientifici che per l’effettuazione delle analisi di revisione.

Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera
La Capitaneria di porto ha funzioni di polizia giudiziaria, per le violazioni previste dal Codice della navigazione e delle altre leggi speciali (pesca, demanio marittimo, diporto nautico, ambiente etc.) ed attraverso l’articolazione operativa di Guardia costiera, dispiega la sua azione in mare, nei porti e sulle pertinenze marittime, principalmente per la salvaguardia della vita umana in mare.

Comando dei Carabinieri – NAS
Con competenza su tutto il territorio nazionale e con strutture articolate anche a livello periferico, opera il Comando Carabinieri per la Tutela della Salute attraverso i Nuclei Antisofisticazione e Sanità (N.A.S.), soprattutto nell’ambito della repressione e della prevenzione. Essi hanno il potere di intervento in tutte le ore del giorno o della notte in qualsiasi luogo dove si producano, si somministrino, si depositino o si vendano prodotti destinati all’alimentazione.

Forze di polizia
Altre forze di polizia (Polizia Municipale, Polizia di Stato, Guardia di Finanza, Corpo Forestale dello Stato) possono elevare sanzioni nelle rispettive materie di competenza in relazione alle specifiche norme di settore.

Regioni
A livello territoriale operano le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, i Dipartimenti di Prevenzione delle Aziende Sanitarie Locali, nonché, per gli accertamenti analitici di laboratorio, i Presidi Multizonali di Prevenzione/Agenzie Regionali per la Protezione Ambientale (P.M.P./A.R.P.A.) e gli Istituti Zooprofilattici Sperimentali (I.Z.S.).

ASL
All’Azienda Sanitaria Locale spetta: la pianificazione, la programmazione e l’esecuzione a livello locale dei controlli ufficiali; inoltre gli compete anche la notifica e la registrazione delle aziende alimentari e i relativi provvedimenti amministrativi (prescrittivi e sanzionatori) e penali. L’ASL opera attraverso i Servizi di Igiene degli Alimenti e della Nutrizione (S.I.A.N.) ed i Servizi Veterinari (S.V.).

SIAN
Compito del Servizio di Igiene degli Alimenti e della Nutrizione è tutelare il diritto fondamentale alla salute del cittadino consumatore, provvedendo al controllo sulla qualità e sicurezza degli alimenti e contrastare i fattori di rischio nutrizionale attraverso l’informazione e l’educazione sanitaria del cittadino e della popolazione nel suo complesso, nonché attraverso la formazione rivolta a tutto il personale preposto alla produzione e distribuzione di alimenti e bevande.
Il SIAN esercita le funzioni di tutela e di promozione della salute pubblica svolgendo interventi di prevenzione e di controllo necessari per garantire la sicurezza alimentare (sopralluoghi ed ispezioni presso operatori del settore alimentare, campionamenti alimenti, ecc…) e per promuovere una corretta alimentazione attraverso l’educazione alimentare (valutazione tabelle dietetiche e diete speciali).

Servizio Veterinario
A livello territoriale si occupa dell’igiene degli alimenti di origine animale e dell’igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche. Esso pertanto provvede al rilascio di pareri, certificazioni e riconoscimenti per la produzione e l’esportazione dei prodotti di origine animale oltre ad effettuare attività di controllo ufficiale su tutti gli alimenti di origine animale commercializzati, comprese le ristorazioni pubbliche (ospedali, scuole) e private (ristoranti, mense). Il Sevizio Veterinario svolge inoltre attività di campionamento e monitoraggio di alimenti secondo piani Comunitari, Nazionali, Regionali e ogni qualvolta se ne dimostri la necessità e/o l’opportunità. Altre competenze sono la gestione dei sistemi di allerta per alimenti di origine animale (a seguito di segnalazione di potenziale pericolosità, contaminazione, ecc…), le indagini per sospette tossinfezioni alimentari a seguito di consumo di alimenti di origine animale e l’educazione sanitaria rivolta agli operatori del settore ed alla popolazione.

Ministero dell’Economia e delle Finanze
Il Ministero dell’Economia e delle Finanze opera a livello centrale con l’Agenzia delle Dogane – Area centrale verifiche e controlli tributi doganali, con i Laboratori Chimici delle Dogane e con la Guardia di Finanza, ed è preposto ad attività di controllo e vigilanza sui prodotti alimentari relativamente alla prevenzione e repressione delle frodi di natura fiscale.

MIPAAF
Il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali (MIPAAF) opera a livello centrale con l’Ispettorato centrale per il controllo della qualità dei prodotti agroalimentari (ICQ). Il MIPAAF elabora e coordina le linee della politica agricola, forestale, agroalimentare e per la pesca a livello nazionale, europeo ed internazionale ed è preposto alla tutela della qualità dei prodotti agroalimentari attraverso controlli prevalentemente di tipo merceologico.

Agecontrol
L’Agecontrol S.p.A. è l’agenzia pubblica per i controlli e le azioni comunitarie che, per conto del Ministero per le Politiche Agricole Alimentari e Forestali e dell’Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura (AGEA), effettua controlli di qualità sui prodotti ortofrutticoli freschi sia nel mercato interno che nell’import/export oltre che verifiche istruttorie, contabili e tecniche nell’agroalimentare, nei comparti interessati dagli aiuti comunitari. L’Agecontrol pertanto svolge le verifiche di conformità alle norme di commercializzazione applicabili nel settore degli ortofrutticoli freschi. Tale attività riguarda in particolare: i controlli di conformità sul mercato, la gestione delle comunicazioni obbligatorie (notifiche di spedizione e richieste di controllo) e delle domande di autorizzazione, l’aggiornamento della Banca Nazionale Dati Operatori Ortofrutticoli (BNDOO), la gestione degli aspetti sanzionatori. Inoltre, Agecontrol promuove e sviluppa iniziative formative, finalizzate ad elevare il livello di informazione e conoscenza delle norme, nazionali e comunitarie, di riferimento per il settore agroalimentare. Prossimamente verrà pubblicato un articolo di approfondimento in merito all’attività di questo organismo.

Written by

Ancora nessun commento.

Rispondi