Linee guida per la Sicurezza nelle Scuole

Il DORS (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute) della Regione Piemonte, in collaborazione con gli Uffici Scolastici Regionali di Piemonte e Lombardia, ha reso disponibile una dettagliata linea guida per la Promozione della Salute e la Sicurezza in ambito Scolastico. Autorizzata dall’ I.U.H.P.E. (International Union for Health Promotion and Education), la linea guida offre un quadro completo di procedure, suggerimenti e misure da attuare per rendere l’ambiente scolastico più efficiente sia dal punto di vista dell’insegnamento che dal punto di vista dell’educazione alla salute e alla sicurezza.

l’IUHPE elenca i principi che dovrebbero avere le scuole promotrici della salute:

Una scuola che promuove salute:
– Promuove la salute e il benessere dei propri studenti;
– cerca di migliorare i risultati di apprendimento degli alunni;
– Sostiene i concetti di giustizia sociale ed equità;
– Fornisce un ambiente sicuro e di supporto;
– richiede la partecipazione e l’empowerment degli studenti;
– mette in relazione i problemi e i sistemi propri della sanità e dell’istruzione;
– affronta questioni relative alla salute e al benessere di tutto il personale scolastico;
– Collabora con i genitori e la comunità locale;
– Inserisce la salute nelle attività correnti della scuola, nell’offerta formativa e negli standard di valutazione;
– Stabilisce degli obiettivi realistici sulla base di dati precisi e solide evidenze scientifiche
– cerca un miglioramento continuo attraverso un monitoraggio e una valutazione costanti.

La linea guida è disponibile a questo link:

LINEA GUIDA PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLE SCUOLE

Concludiamo l’articolo con l’introduzione dell’IUHPE alla linea guida:

“La Scuola è in grado di offrire un contributo significativo alla salute e al benessere degli studenti. Si tratta di un dato di fatto ampiamente riconosciuto dalle organizzazioni internazionali, tra cui l’Organizzazione Mondiale della Salute (OMS), l’UNICEF, l’UNESCO, i Centri Statunitensi per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie (CDC) e l’Unione Internazionale di Promozione e Educazione alla Salute (IUHPE). Le strategie e i programmi che sono stati realizzati nel corso degli ultimi 20 anni in ogni parte del mondo (Scuole che Promuovono Salute, l’Approccio globale alla salute nel contesto scolastico, Scuole Amiche dei Bambini e l’iniziativa FRESH), nonostante le differenze, hanno in comune un approccio globale al mondo della scuola. Essi riconoscono il fatto che tutti gli aspetti della vita della comunità scolastica giocano un ruolo importante nella promozione della salute. Con questo tipo di impostazione è emerso chiaramente che non è sufficiente inserire l’educazione alla salute nell’offerta formativa. Se si desidera che le scuole mettano a frutto le proprie potenzialità nell’ambito della promozione della salute delle giovani generazioni, l’approccio deve essere più ampio.
E’ giunto il momento di dare nuovo vigore alla promozione della salute nel contesto scolastico. In effetti, sta crescendo sempre di più l’attenzione nei confronti della stretta relazione tra formazione e salute, e questo si riflette anche sull’importanza data all’istruzione dalle Nazioni Unite negli Obiettivi del Millennio per lo Sviluppo. Attualmente la Commissione dell’OMS sui Determinanti sociali di salute sta focalizzando la propria attenzione sull’inaccettabile divario di 48 anni nell’aspettativa di vita tra i paesi più ricchi e quelli più poveri del mondo. La Carta di Bangkok sottolinea che la salute è una delle responsabilità fondamentali di tutti i governi e che il loro ruolo non dovrebbe essere ristretto solo al settore sanitario. Inoltre, sono sempre maggiori le evidenze che dimostrano che una scuola efficiente, alla quale i giovani si sentono di appartenere, può avere un impatto sul benessere e sulle diseguaglianze di salute.
Nel corso degli ultimi vent’anni é stato messo a disposizione dei governi, delle scuole, delle Organizzazioni non governative (ONG), degli insegnanti, dei genitori e degli studenti un numero considerevole di evidenze rispetto agli interventi efficaci di salute nel contesto educativo. Programmi scolastici integrati, olistici e strategici hanno maggiori possibilità di produrre dei risultati positivi sia in termini di rendimento scolastico che di salute, rispetto ai programmi che si basano principalmente sull’informazione e sul solo intervento nelle classi. Queste Linee Guida per la Promozione della Salute nelle scuole individuano i principi e gli elementi fondamentali di questo tipo di approccio.
Le Linee-guida sono il risultato di un processo di discussione e consultazione tra professionisti della salute e della scuola di tutto il mondo e sono state costruite sulla base delle migliori ricerche, evidenze e buone pratiche disponibili. Sono qui presentate in forma sintetica con l’intento di aiutare i Ministeri dell’istruzione e della salute, le scuole, le ONG, gli individui e i gruppi interessati ad essere più efficaci e strategici nei loro sforzi di promuovere la salute nelle scuole. Questa seconda versione delle “Linee Guida” comprende anche le revisioni suggerite dagli attori coinvolti nelle politiche e nella pratica della promozione della salute nella scuola e presenti alle diverse conferenze mondiali in cui è stata presentata la prima versione del documento, a partire dal 2005. Per garantire che queste “Linee Guida” siano uno strumento operativo di facile fruizione (soprattutto da parte dei decisori politici, sempre molto occupati), si è deciso di non fornire un elenco completo dei riferimenti bibliografici. Tuttavia, al fondo del documento è disponibile una selezione di materiali e di articoli-chiave sull’argomento e sul sito dell’International School Health Network (www.internationalschoolhealth.org/) e dello IUHPE (http://www.iuhpe.org) sono forniti dei link relativi alla salute nella scuola, e una bibliografia più dettagliata.”

Fonti articolo:
IUHPE www.iuhpe.org
DORS www.dors.it
Puntosicuro www.puntosicuro.it

Written by

Ancora nessun commento.

Rispondi